A Dumenega

A DUMENEGA (1)
Quandu dumenega fori u gu
cappellin neuvu neuvu u vestiu
cu 'a madama a madama 'n testa
o belin che festa o belin che festa
a t
tti apreuvu pruccessin
d'a
Teresin-a du Teresn
ttti a mi figge du diu
che belin de lou che belin de lou
e a stu luci
de cheusce e de tettn
ghe fan u sci
tu anche i ci piccn
mama mama damme
palanche
veuggiu an
a casn veuggiu an a casn
e ci
s'addentran inta citt
ci euggi e vuxi ghe dan der
ghe dixan quellu che nu pean di
de zeggia sabbu e de
Ined (2)
a Ciamberlin s
ssa beln
Fuxe cheusce de sciaccanuxe
in Caignn musse de tersa man
e in
Puntexellu ghe mustron l'xellu
e u dirett du portu c'u ghe
vedde l'ou
'nte quelle scciappe a reposu da u lou
pe nu fa
vedde ch'u l' cuntentu
ch'u meu-neuvu u gh' u finansiamentu
u se cunfunde 'rito confsin
cun l'euggiu pin de
indignasin
e u ghe cra u ghe cra der
bagasce s
i e ghe rest
e ti che ti ghe sbraggi opreuvu
mancu ci
u nasu ghavei de neuvu
bruttu gal
sciu de 'n purtu de Cristu
nu t l'
nicu ch'u se n' avvistu
che in mezu a quelle creat
e
che se guagnan u pan da n
e
a gh a gh a gh a gh'
a gh anche teu mugg
a Ciamberlin s
ssa beln
Fuxe cheusce de sciaccanuxe
in Caignn rnusse de tersa man
e in
Puntexellu ghe mustran l'xellu

(1) Era costume della vecchia Genova che le prostitute fossero relegate in un quartiere della citt. Tra i diritti ad esse riconosciuti vi era quello della passeggiata domenicale. Il Comune era solito dare in appalto le case di tolleranza con i cui ricavi pare riuscisse a coprire quasi per intero gli annuali lavori portuali. (2) Denominazione di piazze, vie o localit di Genova.









Traduzione

Scarica la
canzone in
formato MP3