A pittima

'A PITTIMA (1)
Cosa ghe possu ghe possu f

se nu gh'
brasse pe f u main
se infundo a e brasse nu gh
mn du massacn
e mi gh 'n pgnu du ch'u p
'n nu
gh' 'no cascetta larga 'n du
gistu pe ascndime c'u vestu der a 'n fiu
e vaddu in gi a cerca i din

a chi se i tegne e ghe l'n prest

e ghe i dumandu timidamente ma in mezu
gente
e a chi nu veu ddse raxn
che p
de strn  cuntru u trun
ghe mandu a di che vive l' c
u ma a bu-n _mercu
mi sun 'na pttima  rispett

e nu an 'ngu a cunt

che quandu a vittima l' 'n strass ghe d
du m

(1) Alla pittima, ancora oggi sinonimo di persona insistente, noiosa e appiccicosa, si affidava il compito da parte di cittadini privati dell'antica Genova di esigere i crediti dei debitori insolventi.

LA PITTIMA
Cosa ci posso fare
se non ho le braccia per fare il marinaio
se in fondo alle braccio non ho le mani del muratore
e ho un pugno duro che sembra un nido
ho un torace largo un dito
giusto per nascondermi con il vestito dietro o un filo
e vado in giro o chiedere i soldi
a chi se li tiene e glieli hanno prestati
e glieli domando timidamente ma in mezzo olio gente
e a chi non vuole dorsi ragione
che sembra di starnutire contro il tuono
gli mondo o dire che vivere coro ma a buon mercato
io sono una pittima rispettata
e non andare in giro o raccontare
che quando la vittima uno straccione gli do dei mio.

Scarica la
canzone in
formato MP3