Sidun

SIDUN
U mae ninin (1) u m
u m

lerfe grasse au su
d'am d'am
tm de benignu
de teu mua
spremmu 'nta maccaia
de st
  de st
e oua grmmu de sangue ouge
e denti de loete
e i euggi di surdatti chen arragg
cu'o sccimma a a bucca cacciui de b

a scurra gente cumme selvaggin-a
finch'u sangue sarvaegu nu gh' smurtau a qu
e doppu u feru in gua i feri d' prixn
e 'nte ferie a semensa velenusa d' depurtazin
perch de nostru da a ciana a u me
nu peua ci cresce aerbu ni spica ni figge
ciao mae 'nin l'eredit

l' ascusa
'nte sta citt

ch'a brxa cha brxa
inta seia che chin-a
e in stu gran ciaeu de feugu
pe a teu morte piccn-a.

(1) Vezzeggiativo che sta per bambino

SIDONE
li mio bambino il mio
il mio
labbra grosse al sole
di miele di miele
tumore dolce benigno
di tuo madre
spemuto nell'afa umida
dell'estate dell'estote
e ora grumo di songue orecchie
e denti di lotte
e gli occhi dei soldati coni arrabbiati
con lo schiuma allo bocca
cacciatori di ognelli
a  inseguire la gente come selvaggina
finch il sangue  selvatico
non gli ha spento la voglia
e dopo il ferro in gola i ferri della prigione
e nelle ferite il seme velenoso della deportazione
perch di nostro dalla pianura al modo
non posso pi crescere albero n spiga n figlio
ciao bambino mio l'eredit
nascosta
in questa citt
che brucia che brucia
nella sera che scende
e in questo grande luce di fuoco
per la tua piccola morte.

Scarica la
canzone in
formato MP3