Jamin-a

Lengua 'nfeuga jamin-a
lua de pelle sca
cu'a bucca spalanca
morsciu de carne da
stella neigra ch'a lxe me
veuggiu dernu
'nte l'midu duqe
de l'am d  teu arve
ma seu Jamin-a
ti me perduni
se nu risci a sse porcu
cumme i teu pens
destacchete jamin-a
lerfe de ga spin-a
fatt'ammi jamin-a
roggiu de mussa pin-a
e u muru 'ntu su
sgu de s de cheusce
duve gh' pei gh' am sultan-a de
e
bagascie
dagghe cianin jamin-a
nu naveg de spunda
primma ch' cu ch' munta e a chin-a
nu me se desfe 'nte l'unda
e l'rtimu respiu jamin-a
regin-a mua de e sambe
me u
tegnu pe sciurt vivu
da u gruppu de
e teu gambe;


Lingua infuocata jamina
lupa di pelle scura
can la bocca spalancata
morso di carne soda
stella nera che brilla
mi voglia divertire
nell'umido dolce
del miele del tua alveare
sorella mia Jamina
mi perdanerai
se non riuscir a essere porco
come i tuoi pensieri
staccati Jamina
labbra di uva spina
fatti guardare Jamina
getta di fica sazia
e la faccia nel sudore
sugo di sale di coscie
dove c' pelo c' amore
sultana delle troie
Dacci piano Jamina
non navigare di sponda
prima che la voglia che sale e scende
non mi s disfi nell'onda
e l'ultima respiro Jamina
regina madre delle sambe
me la tengo per uscire vivo
dal nodo delle tue gambe

Scarica la
canzone in
formato MP3